Referti Prenota

Colesterolo HDL: cos’è, valori normali ed esami

colesterolo HDL alto esame del sangue

Nonostante il termine sia spesso usato con un’accezione negativa, il colesterolo è una molecola fondamentale per il corretto funzionamento dell’organismo: in particolare, il colesterolo HDL svolge un ruolo protettivo contro le problematiche cardiovascolari.

Analizziamo in questo articolo cosa si intende per “colesterolo buono”, quali sono i suoi valori ottimali nel sangue e cosa comportano eventuali surplus o carenze di HDL.

Indice

Cos’è il colesterolo HDL e perché si misura?

Il colesterolo HDL (High-Density Lipoprotein) è comunemente noto come “colesterolo buono“, benefico per la salute di un individuo. Questo perché le lipoproteine ad alta densità HDL svolgono un ruolo fondamentale nel trasportare il colesterolo in eccesso dai tessuti periferici verso il fegato, dove verrà metabolizzato ed eliminato dall’organismo.

Il colesterolo totale (HDL + LDL) è infatti una molecola lipidica essenziale, prodotta per circa il 70% dal nostro corpo e in parte introdotta con la dieta: svolge funzioni vitali quali la costruzione delle membrane cellulari, la sintesi degli ormoni steroidei e della vitamina D.

Tuttavia, un eccesso di colesterolo LDL (Low-Density Lipoprotein), spesso chiamato anche “colesterolo cattivo“, può accumularsi sulle pareti arteriose, favorendo la formazione di placche aterosclerotiche: questo processo patologico, detto aterosclerosi, può restringere le arterie ed aumentare il rischio di disturbi cardiovascolari più gravi.

L’esame del colesterolo HDL, insieme al colesterolo LDL e ai trigliceridi, viene effettuato per valutare il rischio complessivo di sviluppare malattie cardiovascolari: maggiori sono i livelli di HDL, maggiore è l’effetto protettivo sull’apparato cardiocircolatorio.

Quali sono i valori normali del colesterolo HDL?

Il valore ottimale di colesterolo HDL varia leggermente in base al sesso e all’età. Per un adulto sano, i livelli consigliati sono generalmente superiori a 45 mg/dL:

  • Uomini: superiore a 40 mg/dL;
  • Donne: superiore a 50 mg/dL.

È importante valutare i livelli di HDL nel contesto dei valori di colesterolo totale e del rapporto con il colesterolo LDL: infatti, un rapporto colesterolo totale e HDL inferiore a 5 implica un minore fattore di rischio per disturbi e malattie cardiovascolari.

Nello specifico, livelli di HDL superiori a 60 mg/dL sono considerati vantaggiosi per prevenire aterosclerosi, ictus e infarti: tuttavia, un valore ulteriormente più alto di questa soglia non garantisce necessariamente una riduzione del rischio.

È fondamentale monitorare regolarmente i livelli di colesterolo HDL, insieme agli altri valori del profilo lipidico, per valutare adeguatamente il rischio cardiovascolare individuale.

Colesterolo HDL alto: cosa comporta?

Avere livelli di colesterolo HDL superiori alla norma (> 45 mg/dL) è generalmente considerato ottimale per contrastare il rischio di malattie cardiovascolari.

In particolare, poi, elevate concentrazioni di colesterolo HDL sono associate ad una riduzione significativa nell’insorgenza dell’aterosclerosi, una malattia caratterizzata dall’accumulo di placche lipidiche nelle arterie che può portare a gravi complicanze.

Questo perché le lipoproteine HDL svolgono un ruolo cruciale nel trasportare il colesterolo in eccesso dai tessuti periferici verso il fegato, dove può essere eliminato dall’organismo, esercitando nel contempo un’azione antiossidante e antinfiammatoria.

Colesterolo HDL basso: quando si è a rischio?

Invece, quando i livelli di colesterolo HDL sono inferiori ai valori di riferimento (< 40 mg/dL per gli uomini e < 50 mg/dL per le donne), la capacità dell’organismo di rimuovere il colesterolo in eccesso dalle arterie risulta compromessa: ciò può favorire l’accumulo di colesterolo LDL e la formazione di placche lipidiche sulle pareti arteriose.

L’aterosclerosi può causare restringimenti o ostruzioni delle arterie, aumentando il rischio di eventi gravi quali ictus e infarto. Inoltre, bassi livelli di HDL sono spesso associati a fattori di rischio come diabete, ipertensione, obesità e stile di vita sedentario.
È importante sottolineare che valori di HDL al di sotto dei range ottimali, soprattutto se combinati con alti livelli di colesterolo LDL, rappresentano un segnale di allerta per la salute cardiovascolare: in questi casi, è consigliabile rivolgersi al proprio medico curante per analizzare i relativi valori ed adottare misure adeguate per migliorare il profilo lipidico.

Esame per colesterolo HDL: come farlo?

Il test per il colesterolo HDL si effettua su un semplice campione di sangue ottenuto mediante un prelievo venoso. Non viene mai analizzato singolarmente, ma in combinazione con altri valori chiave come il colesterolo totale, il colesterolo LDL e i trigliceridi, per ottenere una valutazione completa del rischio cardiovascolare.

Presso i nostri laboratori analisi Butterfly Lab, puoi eseguire diversi esami ematochimici per il colesterolo in modo rapido e indolore, assicurandoti la massima precisione nell’analisi dei campioni attraverso l’utilizzo di tecnologie all’avanguardia.

Oltre all’assetto lipidico, Butterfly Lab offre una vasta gamma di pacchetti analisi completi che permettono uno screening approfondito della salute cardiovascolare e metabolica.
In base al tuo profilo e alle tue necessità, scopri il Check-up che fa per te e prenota comodamente online: siamo presenti con oltre 80 punti prelievo in Italia!

In alternativa, scopri tutti i servizi Butterfly Lab per prenderti cura della tua salute: